Sulla presunta stupidità del Sars-CoV-2