Le mie lettere Feed

(S)tralci

Questo lungo periodo pandemico, caratterizzato da un'interruzione forzata di quasi tutte le attività, non sta solo esacerbando gli animi ma - per fortuna - produce qualche effetto benefico. L'isolamento più o meno relativo cui sono stato costretto ha contribuito a farmi meditare su certe questioni rimaste in sospeso negli anni. Ad esempio, ho dato un taglio a certe relazioni sociali poco soddisfacenti e senza provare alcun rimorso. Ho ridotto il tempo trascorso sui social network, già limitato, deluso dall'atmosfera pesante che vi si respira. Di converso mi sono dedicato a qualche nuovo progetto, magari non imprescindibile però stimolante. E ho riscoperto il piacere di dedicare alcuni istanti della giornata a me stesso, a ciò che mi piace…
 
* * *
 
È la banalità con cui può manifestarsi il male. In tutti noi esiste una parte buona, vitale, che tende alla realizzazione positiva di sé, e una cattiva, autodistruttiva, mortifera. Alcuni lasciano prevalere la seconda ma non è detto che siano, per questo motivo, psicopatici (nel senso lato del termine). Conta l'educazione ricevuta, certo, ma soprattutto la quota di libero arbitrio che ciascuno possiede. La psicopatia rappresenta un alibi comodo (anche processuale), la realtà può essere un'altra e più inquietante: le persone che adottano condotte per noi inspiegabili non sono folli ma perfettamente consapevoli di quel che fanno.
 
* * *
 
Dopo aver fatto diverse esperienze sentimentali poco positive, sono giunto alla conclusione di quanto sia inutile, se non dannoso per la propria salute psicologica, rigirare il coltello nella piaga. Bisogna avere la determinazione necessaria per chiudere certi capitoli sfortunati della propria esistenza e lasciare andar via i ricordi che li accompagnano. Si rischia altrimenti di rimanervi fissati se non di finirne risucchiati come in un gorgo, per non uscirne mai più.
Ho vinto la tentazione di etichettare L. come un caso di narcisismo maligno tout court o di bollare G. come nevrotica per i meccanismi di negazione cui ricorre sistematicamente. Non mi sono mai pentito di aver lasciato L. e per giunta con modi poco urbani ma, pur con tutta l'esasperazione accumulatasi, non nutrivo sentimenti di odio nei suoi confronti - né li provo tuttora. Per quanto riguarda mia moglie, nonostante le divergenze profonde e le discussioni estenuanti, ho deciso alla fine di stipulare con lei una tregua che consentisse una quotidianità soddisfacente per entrambi.
Beninteso: non sono un santo e a certe conclusioni sono arrivato dopo aver fatto i conti con aspri conflitti interiori; credo però che, a un certo punto, occorra necessariamente riappacificarsi con il proprio passato. Non per tacitare la coscienza né tantomeno per convenienza sociale (me ne strafotto del giudizio altrui), semplicemente per continuare il cammino della vita senza pesi ingombranti da trasportare.
 
* * *
 
C'è una frase che ripeto spesso: non è che non credo nell'amore, non credo nelle persone. Si tratta di un mot d'esprit, una provocazione che non rappresenta esattamente il mio pensiero ma che, tuttavia, racconta lo stato d'animo di questo periodo. Quietamente rassegnato.
 
(30 aprile 2021, corrispondenza privata)

venerdì, 05 marzo 2021

giovedì, 31 dicembre 2020

martedì, 15 dicembre 2020

mercoledì, 30 settembre 2020

sabato, 26 settembre 2020

giovedì, 24 settembre 2020

martedì, 22 settembre 2020

venerdì, 18 settembre 2020

mercoledì, 16 settembre 2020

lunedì, 14 settembre 2020

mercoledì, 09 settembre 2020

sabato, 05 settembre 2020

lunedì, 20 luglio 2020

lunedì, 29 giugno 2020

venerdì, 15 maggio 2020

mercoledì, 13 maggio 2020

giovedì, 07 maggio 2020

lunedì, 02 marzo 2020

venerdì, 18 gennaio 2019

mercoledì, 10 ottobre 2018

lunedì, 24 settembre 2018

mercoledì, 11 luglio 2018

lunedì, 15 gennaio 2018

venerdì, 07 aprile 2017

venerdì, 09 dicembre 2016

mercoledì, 27 gennaio 2016

venerdì, 22 gennaio 2016

lunedì, 23 novembre 2015

mercoledì, 28 ottobre 2015

venerdì, 17 luglio 2015

La mia foto
The Pim's Diary - Copia

luglio 2021

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Disclaimer

  • Il blog "Scrivere i risvolti" non rappresenta una testata giornalistica, poiché viene aggiornato con periodicità variabile. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Alcune immagini pubblicate sono tratte da internet e considerate di pubblico dominio; qualora l'uso violasse i diritti d’autore sarà mia cura rimuoverle previa segnalazione. Altre sono di proprietà personale e coperte da copyright: non ne è dunque consentita riproduzione, nemmeno parziale, su stampa o digitale, senza il mio consenso.

Diventa fan

Webpro

  • Curriculum Vitae Paperblog
  • BlogNews

Contatori e statistiche