I miei racconti Feed

Il giudice

Il giudiceIl giudice è un vecchio signore curvo che cammina male, ha le gambe vistosamente arcuate e nei piedi porta un paio di brutte pantofole marroni. La toga gli sta larga, cade da tutte le parti, sembra appesa alle spalle di un manichino. Dovrebbe suscitarmi pena, un tempo gli volevo bene, ma non dimentico che lui è qui con la precisa intenzione di condannarmi.
Dopo essersi issato a fatica sullo scranno più alto sembra ritrovare all'improvviso uno sprazzo di antico vigore. Impugnato il martelletto lo picchia furiosamente dichiarando, con voce stentorea, aperta l'udienza. Poi, scrutandomi con occhi cattivi, comunica qualcosa al cancelliere che gli siede accanto.
Mi sfuggono le ragioni per cui se la stia prendendo con me, però credo che abbiano più a che fare con il suo Io. Non ci frequentiamo da anni, in pratica non sa nemmeno chi sono e probabilmente non l'ha mai saputo. Sta per giudicare un estraneo, perciò sono consapevole che non può ferirmi.
Resto in debito silenzio e attendo la sentenza come si attende la cameriera che serve il tè. Deduco che non abbia alcuna idea di quali siano i capi di imputazione e che, scartabellando freneticamente le carte, cerchi un pretesto per emettere il verdetto di condanna.
Dietro il banco degli imputati accavallo e scavallo le gambe per riattivare la circolazione.
Il giudice si sistema gli occhiali da lettura sulla punta del naso e mi fissa con sguardo severo. Poi agita il martelletto in aria e sentenzia: << Pim, ricordati che tutto ciò che scrivi potrà essere usato contro di te >>.
Mi alzo di scatto e, contravvenendo il rituale, replico: << L'hanno fatto in tanti, dimostrando di non capire un cazzo >>. Nel brusio di sorpresa che si è levato dal fondo dell'aula giudiziaria aggiungo a mezza bocca: << Coglioni >>.
Il giudice riprende a dare martellate sullo scranno chiedendo ripetutamente che il pubblico faccia silenzio. Poi mi punta il dito indice storto e, con il volto paonazzo, stravolto dall'ira, intima: << Togliti quel costume di gomma da clown! >>.
Impassibile, lo osservo scomparire dietro un nugolo di teste che si frappongono confusamente.
<< Dì quel che cazzo ti pare >>, mormoro, << tanto per me sei già morto >>.


lunedì, 16 gennaio 2023

venerdì, 13 gennaio 2023

martedì, 12 aprile 2022

sabato, 15 gennaio 2022

sabato, 01 gennaio 2022

venerdì, 24 dicembre 2021

venerdì, 03 dicembre 2021

mercoledì, 03 novembre 2021

lunedì, 04 ottobre 2021

domenica, 26 settembre 2021

martedì, 01 giugno 2021

mercoledì, 21 aprile 2021

venerdì, 19 marzo 2021

mercoledì, 24 febbraio 2021

martedì, 16 febbraio 2021

mercoledì, 13 gennaio 2021

giovedì, 24 dicembre 2020

giovedì, 12 novembre 2020

martedì, 13 ottobre 2020

lunedì, 31 agosto 2020

lunedì, 13 luglio 2020

lunedì, 29 giugno 2020

martedì, 16 giugno 2020

martedì, 09 giugno 2020

giovedì, 16 aprile 2020

domenica, 01 marzo 2020

domenica, 09 febbraio 2020

venerdì, 07 febbraio 2020

martedì, 21 gennaio 2020

mercoledì, 15 gennaio 2020

La mia foto
The Pim's Diary - Copia

febbraio 2023

lun mar mer gio ven sab dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          

Disclaimer

  • Il blog "Scrivere i risvolti" non rappresenta una testata giornalistica, poiché viene aggiornato con periodicità variabile. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Alcune immagini pubblicate sono tratte da internet e considerate di pubblico dominio; qualora l'uso violasse i diritti d’autore sarà mia cura rimuoverle previa segnalazione. Altre sono di proprietà personale e coperte da copyright: non ne è dunque consentita riproduzione, nemmeno parziale, su stampa o digitale, senza il mio consenso.

Diventa fan

Contatori e statistiche