Sport Feed

È andato tutto bene

è andato tutto beneAbbiamo attraversato giorni e mesi difficili, barricati in casa, appesi ai balconi e ai terrazzi, isolati gli uni dagli altri, i negozi e i cinema chiusi, le strade desolatamente spopolate. Lockdown, mascherine, distanziamento sociale, home working, didattica a distanza le nuove parole d'ordine a scandire le giornate diventate improvvisamente vuote, le abitudini stravolte.

L'Italia è stata il Paese europeo più colpito durante la fase iniziale della pandemia, quando nessuno riusciva ancora a capacitarsi di quanto stesse capitando. I bollettini giornalieri dei contagi e dei morti parevano usciti da un'altra epoca storica, quando la Seconda guerra mondiale straziava il vivere quotidiano. Le immagini televisive sembravano provenire da un film di fantascienza: la lunga fila di camion dell’Esercito riempiti di bare, le ambulanze davanti agli ospedali, lo sguardo stravolto e smarrito del personale sanitario. Inconcepibile, eppure tutto tremendamente reale. E poi l'avvicendarsi estenuante tra zone rosse e zone gialle, il sentimento di incertezza dominante, l'alternarsi di riaperture e chiusure, l'istinto di ribellarsi e di approfittare degli scampoli di libertà concessi. Torneremo alla vita che facevamo prima?, la domanda ricorrente durante l'ultimo anno. Nei vaccini finalmente disponibili una delle risposte possibili, certamente la principale.

Non so se esistano il fato, il destino, la provvidenza, oppure non sia nient'altro che la casualità a determinare le esistenze personali e collettive. Fatto sta che ieri sera, mentre Chiellini alzava la Coppa, Mancini abbracciava Vialli e tutti i ragazzi azzurrovestiti festeggiavano correndo per il prato di Wembley, si è aperta nel cuore di molti italiani la sensazione che la sorte ci stesse consegnando un prezioso premio di risarcimento. La felicità dilagante a macchia d'olio nelle piazze raccontava anche la celebrazione della fine (almeno simbolica) di un periodo lungo e oscuro della nostra storia.

Non dico che lo sport debba necessariamente rappresentare una risposta consolatoria, che il calcio, in particolare, possa riparare i danni generati dalle sventure che sopraggiungono nella vita. Il risultato positivo conseguito da un atleta o da una squadra nazionale va però considerato come un'occasione di riscatto sociale. Soprattutto un mezzo per rafforzare fiducia e autostima collettive. E anche il momento per tornare ad abbracciarsi dopo un anno e mezzo di incertezze, inquietudini e sofferenze.

Andrà tutto bene era la frase che ci si ripeteva come un mantra. Non è andato tutto bene, lo sappiamo perfettamente. Ma ieri sera a Wembley sì, è andato tutto bene. Non per caso o per sorte ma perché, grazie al lavoro e al talento, siamo stati capaci di conquistare un titolo che sembrava impossibile: quello di campioni d'Europa. Un titolo benaugurante, uno sprone per ricominciare a vivere con forza ed entusiasmo rinnovati.


venerdì, 11 dicembre 2020

venerdì, 27 novembre 2020

giovedì, 26 novembre 2020

mercoledì, 17 giugno 2020

sabato, 13 giugno 2020

venerdì, 13 marzo 2020

mercoledì, 04 marzo 2020

lunedì, 13 gennaio 2020

martedì, 03 settembre 2019

giovedì, 13 giugno 2019

martedì, 21 maggio 2019

venerdì, 17 maggio 2019

sabato, 20 aprile 2019

lunedì, 12 novembre 2018

sabato, 10 novembre 2018

domenica, 07 ottobre 2018

lunedì, 16 luglio 2018

mercoledì, 04 luglio 2018

giovedì, 14 giugno 2018

sabato, 19 maggio 2018

mercoledì, 28 febbraio 2018

domenica, 17 dicembre 2017

lunedì, 13 novembre 2017

mercoledì, 28 giugno 2017

domenica, 04 giugno 2017

giovedì, 18 maggio 2017

sabato, 28 gennaio 2017

martedì, 16 agosto 2016

domenica, 03 luglio 2016

mercoledì, 22 giugno 2016

La mia foto
The Pim's Diary - Copia

luglio 2021

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Disclaimer

  • Il blog "Scrivere i risvolti" non rappresenta una testata giornalistica, poiché viene aggiornato con periodicità variabile. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Alcune immagini pubblicate sono tratte da internet e considerate di pubblico dominio; qualora l'uso violasse i diritti d’autore sarà mia cura rimuoverle previa segnalazione. Altre sono di proprietà personale e coperte da copyright: non ne è dunque consentita riproduzione, nemmeno parziale, su stampa o digitale, senza il mio consenso.

Diventa fan

Webpro

  • Curriculum Vitae Paperblog
  • BlogNews

Contatori e statistiche